gara ciclismo

Per chi ama scommettere online sugli eventi sportivi di norma non c’è niente di meglio che incassare uno dei tanti bonus offerti dal bookmaker. Sì, perché i migliori bookmakers online, per esempio, permettono di ottenere un Bonus Scommesse 100 euro semplicemente versandone altrettanti alla prima ricarica dopo aver perfezionato la registrazione gratuita al sito al fine di aprire un conto di gioco. In tal caso il bookmaker propone un bonus di benvenuto che è pari al 100% dell’importo versato potendo di norma scegliere metodi e sistemi di ricarica veloci con accredito immediato.

Ad esempio, effettuando un deposito con carte dei circuiti Visa e Mastercard l’accredito sul conto di gioco non solo è istantaneo, ma in genere un buon bookmaker, che mette al centro sempre le esigenze del cliente, non applica alcuna commissione. Sempre con le carte di credito è poi possibile anche prelevare le vincite, ma in generale i migliori operatori di scommesse online accettano pure le operazioni di prelievo e di versamento sul conto di gioco con la carta Postepay, ovverosia con la ricaricabile del Gruppo Poste Italiane, con Skrill, con Paypal, con Neteller ed anche con il bonifico bancario.

Prima di effettuare il primo deposito si raccomanda di leggere, direttamente dal sito Internet del bookmaker, il regolamento e le condizioni di fruizione del bonus di benvenuto. E questo perché alcuni bookmaker accreditano sul conto di gioco il bonus subito, senza vincoli, mentre altri lo accreditano a tranche, in genere da 5 o 10 euro, in base ai volumi di gioco generati nel tempo sulle scommesse sportive.

Dopo aver aperto il conto di gioco, e dopo aver fatto il primo versamento al fine di acquisire il bonus di benvenuto, è bene ricordare che in Italia con tutti gli operatori di scommesse aams il conto di gioco sarà inizialmente limitato. Per sbloccare le limitazioni, infatti, il conto di gioco per le scommesse, ma anche per i giochi del casinò online, deve essere verificato e validato, ai fini dell’identificazione del cliente residente in Italia, attraverso l’invio della copia del proprio documento di riconoscimento in corso di validità.

La copia del documento di riconoscimento si può inviare via posta ordinaria all’indirizzo del bookmaker reperibile sul sito, via fax oppure, per velocizzare le operazioni, dopo aver fatto la scansione si può inviare la copia del documento via posta elettronica all’e-mail che anche in questo caso è reperibile dal sito Internet dell’operatore.

spaghetti basilico

Benché siano spesso demonizzati in modo improprio e impreciso, i carboidrati hanno un ruolo molto importante nella dieta di ogni persona, e anzi sono indispensabili per il mantenimento di uno stile di vita corretto. Si ritiene che essi favoriscano un aumento del peso, ma – come si può leggere sul sito www.studionutrilab.com – è vero esattamente il contrario: contribuiscono, infatti, al dimagrimento. Ma qual è la ragione della cattiva reputazione che hanno?

I carboidrati e la loro reputazione negativa

La ragione per la quale è consolidata la consuetudine di eliminare o comunque di diminuire i carboidrati da un regime alimentare va individuata nella loro capacità di favorire la produzione di insulina dal pancreas; un’azione che si traduce in un accumulo di grasso. Questo è vero, ma non sempre valido, nel senso che ci sono carboidrati e carboidrati: non sono tutti uguali e, di conseguenza, non tutti meritano di essere rimossi dalla dieta. Entrando più nel dettaglio, i carboidrati a cui è necessario dire addio sono quelli che presentano un impatto consistente a livello glicemico: si tratta, per esempio, degli zuccheri semplici.

Occorre prestare attenzione, quindi, al saccarosio e a tutti i cibi in cui questa sostanza è contenuta. Non ci sono problemi, invece, con gli zuccheri presenti nella frutta e nella verdura. I carboidrati presenti nei cereali integrali e nei legumi, a loro volta, si caratterizzano per un impatto ridotto sulla glicemia, e pertanto non favoriscono una secrezione di insulina rapida. Il valore dei carboidrati in ogni dieta è stato confermato da numerosi studi: una ricerca del 2016 ha rilevato la loro capacità di ridurre le concentrazioni di cortisolo, la cui secrezione in epoca moderna è sempre più frequente a causa degli stress psichici e fisici a cui si è sottoposti. Il problema del cortisolo è che ha l’effetto di innescare un aumento dell’appetito; contribuisce ad agevolare il processo di ingrassamento anche perché determina la liberazione di zuccheri. Le conseguenze potenziali possono essere gravi, come dimostra il rischio di avere a che fare con una patologia cardio-vascolare. 

Come e quando assumere i carboidrati

Una volta appurato il valore dei carboidrati, è comunque importante imparare a consumarli nei modi e nei tempi giusti. Qual è, in altri termini, il momento della giornata più indicato per la loro assunzione? Bisogna ricordare che il ritmo metabolico dell’organismo è accelerato al mattino; in questo momento della giornata, dunque, è possibile assumere carboidrati complessi avendo la certezza che saranno metabolizzati in tempi rapidi e metteranno a disposizione l’energia di cui ci sarà bisogno per far fronte al resto della giornata. I carboidrati complessi ingeriti al mattino, inoltre, riducono il senso di fame per le ore successive. 

Anche a pranzo, in ogni caso, è bene non rinunciare ai carboidrati, poiché essi impediscono di dedicarsi a un’alimentazione eccessiva nel pomeriggio e a cena. A proposito del pasto serale, in questa occasione sarebbe preferibile evitarli, sia per non appesantirsi, sia per non innescare la produzione di insulina, che agevola i processi di accumulo in questa fase della giornata. 

Quando non si è esperti del settore, scegliere le extension giuste per i propri capelli può diventare alquanto difficoltoso. Vanno infatti considerate tutta una serie di caratteristiche che solo una professionista può conoscere dettagliatamente per consigliare quelle più giuste.

In ogni caso, avere alcune informazioni di base e delle conoscenze in merito, permetterà a chiunque di fare la scelta più oculata possibile.

Non va inoltre trascurata la durata delle extension, perché nel caso in cui si sia alle prime esperienze, diventa fondamentale provare prima il risultato con delle extension removibili, per poi passare a quelle permanenti.

Scegliere le extension capelli vere in base al metodo di applicazione

Bisogna innanzitutto sapere che le ciocche per extension possono essere applicate in vari modi, ognuno dei quali ha una durata diversa:

-con fusione a caldo (cheratina);
-a clip;
-con fusione a freddo (stick);
-con anelli;
-con biadesivo;
-con cucitura.

Tra tutte, quelle in assoluto più durature sono le extension applicate con fusione di cheratina a caldo e secondariamente con fusione a freddo in stick, ma entrambe risultano permanenti per cui vanno scelte solo se si è certe di volerle fisse.

L’applicazione a clip è del tutto temporanea e removibile, utile per chi vuole cambiare look per una sera, mentre quella con anelli può essere utilizzata anche a casa con un metodo fai da te, infine, quelle con biadesivo e con cucitura hanno una durata media e sono abbastanza resistenti e di ottimo impatto estetico.

Struttura e consistenza dei capelli

Anche la struttura e la consistenza dei propri capelli diventano due caratteristiche indispensabili sulla base delle quali scegliere le ciocche per extension giuste.

Infatti, quest’ultime possono essere adattate ad una capigliatura liscia, riccia o con onde naturali, senza doverle necessariamente lavorare dopo ogni lavaggio per renderle sovrapponibili ai capelli veri.

Esistono però alcuni capelli di un riccio poco ordinato e parecchio crespo che rendono difficile adattare le extension in maniera uniforme; in questo caso conviene comprare delle extension lisce e procedere con lo stiraggio dell’intera capigliatura oppure fare un trattamento sulle ciocche perché le renda ricce naturali come i propri capelli.

Solo così il risultato sarà veritiero ed impeccabile. Anche la consistenza dei capelli è fondamentale, perché un capello molto grosso e spesso non può essere associato ad extension setose e sottili, come al contrario, dei capelli molto fini non si sposerebbero bene con delle extension dalla struttura ricca e corposa.

Perché cambiare Cuscino?

Si possono presentare diversi segnali che rilevano il fatto che sia arrivato il momento di cambiare il tuo cuscino, oppure optare per un cuscino memory di nuova tipologia.

Se, per esempio, ci capita di andare a letto e trovare il cuscino spostato il giorno dopo, può essere un giusto segnale, poiché segnala che il nostro sonno è stato disturbato da troppo calore, durezza oppure da un cattivo materiale.

La tipologia di cuscino scelta non è eterna. Infatti, durante il dormiveglia ogni individuo perde una certa quantità di rifiuti corporei oppure di liquidi che si vanno a depositare sul cuscino.

A questo, dobbiamo aggiungere che i materiali da cui sono composti i guanciali tendono a variare a livello di struttura con il tempo.

Per questi diversi motivi è molto importante cambiare il cuscino ogni certo numero di anni, circa ogni 3-4 anni.

Il Cuscino Memory Foam: caratteristiche e particolarità

Il Memory Foam è una tipologia di cuscino composta da schiuma di poliuretano a cui vengono aggiunti additivi chimici per ridurre la densità della struttura.

La peculiarità principale è quella di riuscire a cambiare e ospitare la parte corporea che si appoggia, tramite il calore prodotto dal corpo in maniera tale da dare forma a questo in pochi secondi.

Furono proprio gli studi della Nasa che portarono alla creazione di questa tipologia di materiale. L’obiettivo primario dei ricercatori era quello di fornire un comfort molto elevato ai propri astronauti, aumentando il livello di sicurezza degli aerei e sfruttando la sensibilità a livello termico per arrivare a questo obiettivo.

Da quel periodo, c’è stato un certo numero di migliorie e sviluppi che hanno permesso di creare un cuscino sempre più comodo durante le ore serali, ampliandone l’utilizzo anche in ambito ospedaliero per pazienti lungo-degenti oppure con problemi posturali.

Esistono svariate tipologie di Cuscini ma per essere più chiari possiamo dividerli in due gruppi differenti.

Cuscini Indeformabili come il cuscino Memory Foam di Synergic Italiana, il Cuscino in Lattice e il Cuscino Waterly. Tutti sono costituiti da materiale diverso che accompagna la testa del cliente e il collo e torna nella posizione originale una volta che il soggetto si è alzato.

Cuscini imbottiti come il cuscino in lana, in cotone, in piume oppure in fibra di poliestere. In questo caso parliamo di cuscini di tipo naturale o sintetico che possono sembrare abbastanza morbidi al tocco all’inizio, ma che poi tendono con il tempo a perdere questa caratteristica.

Negli ultimi anni si è assistito al dominio incontrastato della Juventus nella massima seria italiana. La stagione 2016/1017, infatti, ha eletto la “Vecchia Signora” come migliore squadra dell’anno che ha conseguito alla vittoria del suo quinto scudetto consecutivo.

I bianconeri sembrano davvero essere imbattibili in Italia vista la loro formazione di qualità e di tasso tecnico molto alto e un allenatore come Massimiliano Allegri sempre più esperto. Nella scorsa stagione la squadra di Allegri è persino arrivata in finale di ChSeria A Timampions League dove il Real Madrid ha, però, prevalso. Nonostante la sconfitta in Supercoppa contro la Lazio, Dybala e compagni
sembrano essere sempre i favoriti anche per questa stagione.

A solo quattro lunghezze dalla Juventus lo scorso anno la Roma si è classificata seconda, ottenendo il passaggio diretto alla prossima Uefa Champions League. La squadra della capitale a fine stagione ha salutato il suo indiscusso capitano Francesco Totti che abbandona una volta per tutte il calcio giocato. A Trigoria, dunque, si riparte da zero con l’assenza di Totti e del ex tecnico Spalletti. Alla guida della panchina ci sarà Eusebio Di Francesco che la scorsa stagione ha stupito tutti col Sassuolo. Gli acquisti Gonalos, Mario Rui e Hector Moreno sembrano aver dato qualità e forza al club giallorosso.

Lo scorso anno al terzo posto il Napoli di Maurzio Sarri. Nonostante la perdita del pipita Higuain, i partenopei hanno disputato un’ottima stagione. Martens, Insigne e Callejon hanno trainato ala squadra conquistando il gradino più basso del podio. Alle spalle la Lazio di Simone Inzaghi, vincitrice della supercoppa Italia potrebbe essere una rivelatrice della stagione mentre l’Atalanta dopo la partenza di molti giocatori (Kessie, Conti e Caldara tra gli altri) ha perso smalto nel campionato, al contrario dello scorso anno.

Sguardo attento sulle squadre milanesi Milan e Inter, i proprietari orientali Mister Li e Suning hanno organizzato squadre molto competitive che possono trovare uno spazio che meritano nella Seria A Tim. Il Milan di mister Montella ha messo ha segno colpi di mercato molto importanti come Kessié, Musacchio, André Silva Conti e Bonucci ed è finalmente finito il tormentone di mercato di Donnaruma che vestirà ancora la maglia rossa nera. Invece, l’Inter di Luciano Spalletti sembra essere una squadra davvero solida e quadrata: : Borja Valero e il giovane Skriniar sono i colpi di mercato più significativi. Ma attenzione, potrebbero arrivarne altri.

batteria-foto

La batteria è tra gli strumenti più difficili da registrare e molto spesso non è oggetto di studio nelle scuole di batteria. Chi è meno esperto e desidera registrare un brano del proprio repertorio da mostrare a chi interessato o semplicemente registrare il nuovo cd della vostra band, dovete seguire alcuni accorgimenti che miglioreranno il risultato finale.

Studia bene i pezzi.

Può sembrare qualcosa di scontato ma sapere alla perfezione ogni singolo brano che andrete a registrare incide molto sul risultato finale e sul tempo necessario per la registrazione. I pezzi da eseguire dovranno essere non solo quelli che si ritengono essere i migliori ma soprattutto quelli perfetti, quelli già completati che non necessitano di revisioni o di aggiustamenti dell’ultima ora. Di pari passo allo studio dei pezzi va l’accordatura: gli strumenti devono essere perfetti, il suono deve essere chiaro e la qualità non deve essere minata da pelli del tamburo usurate o da ronzii vari.

Utilizzate più microfoni

Nelle registrazioni in studio, in genere, vengono utilizzati più microfoni posizionati in diversi punti. Oltre al numero, varia anche la tipologia di microfono da utilizzare. Ad esempio, oltre ai microfoni panoramici, si può utilizzare un microfono condensatore posizionato vicino alla pelle del tamburo per l’attacco, oppure un microfono per il punch, uno per le frequenze sub. In genere vengono posizionati un microfono per il timpano, uno per il rullante, uno o due per la cassa. Da non sottovalutare la distanza del microfono dalla cassa o dalla batteria: distanze diverse creeranno effetti diversi perché il suono raggiungerò i microfoni in punti diversi dell’esecuzione. Se volete conoscere le diverse tipologie di microfono e le loro posizioni vi consigliamo di rivolgervi a professionisti. Per ciò che riguarda i corsi di batteria Roma offre ampia scelta.

Aiutatevi con un metronomo

Il metronomo è uno strumento molto utilizzato in ambito musicale perché aiuta a mantenere il tempo. il batterista e i musicisti in generale, lo utilizzano per aiutarsi a mantenere il tempo evitando rallentamenti o accelerazioni. Oltre al metronomo classico quello che ha la forma di un pendolo al contrario, esistono anche metronomi elettronici ed anche online. In fase di registrazione, è consigliato al batterista di utilizzare un metronomo digitale che prevede un’uscita dove è possibile collegare le proprie cuffie. Il ticchettio del tempo del metronomo sarà facilmente distinguibile all’interno delle cuffie. Se non avete mai usato il metronomo, è consigliabile non utilizzarlo la prima volta in sala di registrazione perché il ticchettio di questo strumento può essere fonte di disturbo se non siete abituati. Dedicate una serie di prove nella vostra sala per familiarizzare con questo strumento.

telefono

Sono molti gli uffici e le attività commerciali in cui avere a disposizione un centralino telefonico di facile utilizzo è una questione essenziale. Oggi le nuove tecnologie consentono di utilizzare centralini telefonici digitali e analogici che funzionano tramite la rete internet e la tecnologia VOIP. Un ampio esempio di questi prodotti è reperibile sul sito Ezdirect.

I centralino classico

Chi ha avuto a che fare con un classico centralino, di quelli che si utilizzavano fino a qualche anno fa, a quanto sia complesso gestire questo tipo di strumento, molto pratico ma anche macchinoso. Per poter avere a disposizione un centralino tradizionale è necessario contattare un tecnico specializzato, ma anche la compagnia telefonica. Questo perché i centralini gestiscono diverse linee telefoniche fisiche, attive sulla medesima numerazione. L’offerta era in genere fissa, nel senso che si acquistava un centralino in grado di gestire un dato numero di linee. Nel caso in cui se ne volessero aggiungere altre era necessario contattare nuovamente la compagnia telefonica e, spesso, pagare ulteriori attivazioni.

Il centralino di oggi

Oggi è possibile utilizzare i cosiddetti centralini virtuali, alcuni dei quali gestiscono le chiamate tramite la connessione a internet. L’installazione, nella maggior parte dei casi, può essere effettuata dal singolo utente, anche se può essere utile contattare un tecnico, in modo da predisporre tutto quanto è necessario per gestire al meglio la rete telefonica aziendale. I centralini di nuova generazione sono detti virtuali, non necessitano di essere connessi ad un computer o di avere a disposizione un intero server, perché si connettono autonomamente alla rete internet aziendale, anche in modalità Wireless. Consentono di sfruttare al meglio diversi tipi di connessione, sia tramite il tradizionale doppino, sia tramite internet e sono molto più versatili. Per aggiungere una linea o un dispositivo è sufficiente utilizzare il software di gestione del centralino, senza per forza dover contattare un tecnico e senza effettuare alcun tipo di richiesta alla compagnia telefonica che ci fornisce il servizio.

La praticità di un centralino evoluto

I centralini tradizionali gestivano diverse linee telefoniche ad esso connessi. I centralini di nuova generazione sono in grado di gestire quelle stesse linee, con in più la possibilità di organizzare una rete di comunicazione più ampia, che passa anche attraverso dei dispositivi mobili, Skype o altri metodi di comunicazione, oggi molto diffusi. Volendo è possibile ampliare le possibilità di un centralino tradizionale utilizzando un gateway analogico o anche ISDN.

termografie
Nei servizi di spurgo a Roma hanno una grandissima importanza le fasi preliminari, ovvero sostanzialmente gli step di analisi del singolo caso.
Nel caso in cui venga a verificarsi qualsiasi tipo di criticità connessa ad una fognatura, dall’allagamento all’otturazione, gli operatori devono accertarsi anzitutto di quali sono le cause che hanno generato il problema, e solo successivamente possono passare alle fasi operative.
Da questo punto di vista va detto che il mondo dello spurgo è stato protagonista di progressi molto importanti in tale ottica, di conseguenza le migliori aziende sono oggi in grado di eseguire le loro analisi in modo tanto tempestivo quanto preciso.
Questa peculiarità, oltre a rendere gli interventi molto più efficienti nel loro complesso, li rende più celeri, e molto spesso questo si traduce in dei costi del servizio molto più leggeri.

Le videoispezioni: che cosa sono?

Una delle tecniche più moderne ed efficienti attraverso cui è oggi possibile verificare quali sono stati i problemi che hanno generato una criticità fognaria corrisponde all’effettuazione delle cosiddette videoispezioni.
Come si può intuire dal nome le videoispezioni sono delle ispezioni della fognatura eseguite attraverso un’apposita telecamera: le migliori aziende del settore possiedono delle specifiche telecamere di piccole dimensioni che possono dunque essere calate al di sotto del terreno.
Le telecamere in questione sono in grado di realizzare filmati e fotografie che vengono minuziosamente analizzate tramite PC: in questo modo è dunque possibile conoscere in modo straordinariamente preciso quali sono i problemi venutisi a manifestare nel tratto fognario di interesse e come ci si può muovere per porvi rimedio.
Le videoispezioni sono riuscite a migliorare in modo davvero molto consistente l’efficienza delle analisi eseguite dagli operatori del settore, e solo le migliori aziende specializzate in spurgo hanno in dotazione strumenti tecnicamente così avanzati.

telecamera-wifi-casa

L’istallazione di un impianto di videosorveglianza rappresenta un metodo valido per aumentare la sicurezza della propria abitazione e fornire a chi ci vive una tranquillità maggiore.

Dotare la propria abitazione di videocamere ha notevoli vantaggi: in primis riesce a demotivare i ladri, permette di controllare in qualsiasi momento della giornata cosa sta accadendo nella propria abitazione o nel proprio esercizio commerciale, possono essere un ottimo strumento di controllo e monitoraggio delle persone non autosufficienti.

Anche se si tratta di un sistema utilizzato per la sorveglianza della propria abitazione, l’istallazione di videocamere è sottoposto a precise normative che hanno lo scopo di tutelare la privacy di chi transita nel raggio della sorveglianza. È obbligatorio, in primis, segnalare la presenza dell’impianto tramite appositi cartelli e i video registrati devono essere eliminati dopo 24 ore a patto che non siano materiale necessario per indagini delle forze dell’ordine.

Come scegliere kit di sorveglianza per la casa

In commercio esistono diversi impianti di videosorveglianza destinati soprattutto al controllo delle abitazioni. Si tratti di sistemi definiti modulari cioè che alla strumentazione di base fornita con il kit possono essere integrati altri componenti acquistabili separatamente. Lo scopo principale è offrire la possibilità di personalizzare il sistema di videosorveglianza così da adattarlo alle diverse esigenze.

Prima di acquistare le videocamere, valutate la zona che dovete videosorvegliare: spazi piccoli non necessitano di risoluzioni particolarmente alte a differenza di ambienti più grandi.

Oltre ad un sistema fai da te realizzato con un pc ed una webcam, molto semplicistico e poco professionale, si può optare per videocamere chiamate UMTS la cui peculiarità è quella di prevedere al loro interno una sim con un numero associato che permette di ricevere videochiamate da un normale smartphone. Attraverso queste videochiamate, il proprietario dell’abitazione può controllare la zona videosorvegliata in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo in cui si trovi.

Alternativa alle UMTS cam sono le cam IP, videocamere collegate 24 ore su 24 alla linea internet. Ogni camera di questo tipo è dotata di un indirizzo IP al quale ci si può collegare ed avere l’immagine catturata in quel momento da quella precisa camera. Cambiando IP, si possono controllare le diverse videocamere.

Esistono, poi, diversi kit in commercio dotati di alcune videocamere, di un videoregistratore digitale e di uno schermo, di solito di piccole dimensioni, che permette di visionare le immagini catturate dalle videocamere collegate. Anche questi kit prevedono il controllo da remoto tramite applicazioni o la rete internet.

SONY DSC

Pulizia ed ordine sono fondamentali per i bed and breakfast. L’ospite si sentirà accolto, a suo agio e darà una valutazione positiva della struttura. Proprio per l’importanza sulla reputazione del b&b stesso, le operazioni di pulizie devono essere effettuate con professionalità da esperti del settore. Saranno infatti necessari prodotti e strumenti specifici per le varie operazioni da compiere.

Cosa c’è da pulire in un b&b?

Un bed and breakfast, infatti, non è caratterizzato solo da stanze ma ci saranno una hall, un ingresso, degli spazi in comune, dei corridoi che andranno trattati in maniera differente. La pulizia, la disinfezione e la sanificazione della struttura avverranno in modo articolato e differenziato.

Le pulizie b&b a Milano così come a Roma, Torino, grandi centri turistici e commerciali, possono avvalersi di imprese di pulizia specializzate sia nelle pulizie ordinarie che nelle operazioni straordinarie.

Per pulizia ordinaria si intende il lavaggio delle superfici, delle vetrate, la pulizia e il riordino delle camere, il ritiro della biancheria, il rifacimento dei letti, l’eliminazione della polvere dai pavimenti e il lavaggio successivo. Queste operazioni andrebbero fatte ogni giorno per garantire al cliente una camera quanto il più possibile pulita e igienizzata.

Fondamentale è anche avere cura degli spazi in comune quali la hall, la zona pranzo o la zona relax se la struttura ne è fornita. È fondamentale qui che i mobili siano puliti e lucidi, che i pavimenti siano ripuliti dalle eventuali macchie e che l’ambiente profumi di freschezza per dare una prima impressione che sia delle migliori possibili.

Frequenza degli interventi di pulizia..

Le norme circa le pulizie dei bed and breakfast variano da regione a regione. Alcune normative prevedono, ad esempio, la pulizia quotidiana anche dei bagni mentre per altre la biancheria e la pulizia dei servizi igienici può avvenire ogni volta che un cliente lascia la camera così da permettere al cliente successivo di trovarla pulita ed in ordine.

In ogni caso, è consigliabile una pulizia ordinaria quotidiana ed una pulizia più accurata settimanalmente. In questi casi, una disinfezione e una disinfestazione sono valide operazioni: vanno effettuate con appositi prodotti e con appositi strumenti che possono essere chimici tramite detergenti appositamente pensati oppure strumenti con getti di vapore acqueo, azoto, che riducono la carica batterica. Ogni tre o sei mesi, è consigliabile anche una sanificazione dei filtri e dei condotti dell’aria.

Tali operazioni vanno effettuate periodicamente, soprattutto in casi di intensa affluenza, così da eliminare il rischio che i clienti e i dipendenti siano esposti a infezioni virali.